Criminalità giovanile, le mafie contano

La delinquenza minorile non è uguale in tutta Italia: a Genova e Milano prevalgono risse e aggressioni, a Napoli omicidi, rapine e traffico di droga

Giulia Piazza

Giulia PiazzaLaureata Università Suor Orsola Benincasa di Napoli

21 luglio 2021

La violenza giovanile non è uguale in tutta Italia e la presenza di organizzazioni mafiose segna la differenza. Il peso delle famiglie criminali, l’abbandono scolastico e i bassi livelli di microcriminalità tracciano una linea di demarcazione tra Nord e Sud, e tra realtà urbane differenti, come Napoli, Genova e Milano. Tre città che gli ultimi 20 anni hanno assistito a una crescente attenzione mediatica sul tema della violenza giovanile.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar