Droghe

Da droga a droghe. Dietro al passaggio, apparentemente solo linguistico, dal singolare al plurale, si concretizza la complessa realtà del consumo di sostanze stupefacenti. Mondo che non si esaurisce nelle sue conseguenze più tragiche, di sofferenza e malattia, ma affonda le sue origini in bisogni e aspirazioni che appartengono all'umano. Al di là del dibattito politico tra legalizzazione e proibizione e della narrazione mainstream fatta di malavita e desiderio di ribellione, l’uso delle droghe resta un tema antropologico, che investe l’umanità in quanto tale e che la riguarda da sempre. La drammaticità della tossicomania o tossicodipendenza, con il suo portato di violenza e morte, viaggia con questioni che attengono a esigenze profonde, con un bisogno ancestrale di felicità, di uscita da sé e ricerca di senso, che trova nell'uso e abuso di droghe il proprio – pericoloso – strumento o surrogato.

Crediti: pexels

Rave party, il "dionisiaco" tra analisi chimica o manganello

In margine al teknival dello scandalo in provincia di Viterbo, resta la domanda a cui il sapere occidentale non risponde: cosa si cerca nelle droghe che la società "normale" non è in grado di dare?

Fabio Cantelli Anibaldi

Fabio Cantelli AnibaldiVicepresidente Gruppo Abele e scrittore

Giovani ballano davanti a un muro di casse in un rave in Salento nel 2009 (Wikipedia)

Il teknival di Viterbo, un'occasione per trattare di droga senza tabù

Il rave a Valentano (Vt) è stato descritto come un horror, ma per le organizzazioni che si occupano di riduzione dei danni legati all'uso di droghe si è trattato di "un'esperienza straordinaria" . E avvertono: "Il vero rischio è che alcuni temi …

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Anom, i segreti del narcotraffico nelle chat

Anom, i segreti del narcotraffico nelle chat

A usarlo erano esponenti di oltre 300 organizzazioni criminali, compresa la 'ndrangheta: si scambiavano messaggi per organizzare il traffico di droga, credendo di essere al sicuro dalle intercettazioni. L'Fbi leggeva tutto

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

I carichi di cocaina sequestrati nel porto di Livorno poco prima dei lockdown. Si tratta di uno dei più grossi sequestri in Italia

Quanta coca col Covid

Nel 2020 i sequestri di cocaina in Italia hanno raggiunto numeri mai visti: "Dopo i lockdown, i prodotti accatastati sono ripartiti e i narcos hanno cercato di recuperare", spiega Antonino Maggiore, direttore centrale dei Servizi antidroga

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Alcuni braccianti indiani nel corso di una manifestazione dei sindacati a Latina (Facebook - Flai Cgil Frosinone-Latina)

Sabaudia: farmaci dopanti ai braccianti per lavorare di più

Nella zona agricola laziale più di 200 lavoratori indiani sono stati "dopati" con un farmaco per cure oncologiche che riduce dolore e fatica. Uno di loro, Singh Harpal, è morto d'infarto. Emerge dall'inchiesta No Pain

Graziella Di Mambro

Graziella Di MambroGiornalista di Latina Oggi

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar