Mafie

Mafie è il nome comunemente dato ad alcune organizzazioni criminali nate nel meridione d’Italia alla fine dell’Ottocento. Sono riconosciute come mafie storiche la Cosa nostra siciliana, la ‘ndrangheta calabrese e la camorra campana, cui è stata aggiunta in tempi più recenti la Sacra corona unita pugliese. 

Le mafie riescono a controllare, in modo più o meno invasivo, il contesto in cui si inseriscono soprattutto grazie al loro carattere violento e alla capacità di creare e sfruttare un’ampia rete di relazioni. Attraverso queste modalità le mafie storiche si sono riprodotte, nel corso degli anni, anche nel Settentrione d’Italia e in altre parti del mondo. 

Nel 1982, con l’introduzione dell’articolo 416 bis del codice penale, l’associazione di tipo mafioso è stata riconosciuta come reato. La norma definisce mafiosa qualunque organizzazione che utilizza la “forza di intimidazione” per controllare attività legali (come appalti e concessioni pubbliche) e illegali (come traffico di droga ed estorsioni) o alterare il libero esercizio del voto. Secondo la norma, la forza di intimidazione di questi gruppi si esprime principalmente nell’“assoggettamento” provocato nei confronti di chi non ne fa parte e nell’“omertà” che ne deriva.

A partire dagli anni Novanta, in Italia, sono state incriminate per mafia anche organizzazioni diverse dalle mafie storiche, sia italiane che straniere, come la Mala del Brenta, alcune formazioni romane, e diversi gruppi di origine cinese, nigeriana e rumena.

Milano, capitale finanziaria d'Italia, registra un altissimo numero di segnalazioni di operazioni a rischio riciclaggio (Ouael Ben Salah/Unsplash)

Antiriciclaggio, i comuni faticano a segnalare i presunti affari illeciti

Poche amministrazioni denunciano gli investimenti sospetti di quei privati che vogliono ripulire i proventi di attività illecite: nel 2020 soltanto quattro segnalazioni sulle 113mila ricevute dall'Unità di informazione finanziaria. A Milano, però, …

Avviso Pubblico

Avviso PubblicoEnti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie

I carichi di cocaina sequestrati nel porto di Livorno poco prima dei lockdown. Si tratta di uno dei più grossi sequestri in Italia

Quanta coca col Covid

Nel 2020 i sequestri di cocaina in Italia hanno raggiunto numeri mai visti: "Dopo i lockdown, i prodotti accatastati sono ripartiti e i narcos hanno cercato di recuperare", spiega Antonino Maggiore, direttore centrale dei Servizi antidroga

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

La città di Latina

A Latina i clan avevano le loro spie tra gli investigatori

Continua il racconto del pentito Renato Pugliese, che con le sue confessioni ha messo a nudo il sottobosco di Latina. In questa puntata la sua amicizia con un poliziotto, nella città in cui gli scambi tra forze dell'ordine e delinquenti hanno …

Graziella Di Mambro

Graziella Di MambroGiornalista di Latina Oggi

"La proposta della Dia di riformare le interdittive antimafia non ci convince"

"La proposta della Dia di riformare le interdittive antimafia non ci convince"

In un'intervista a lavialibera il direttore della Dia Vallone ha parlato della necessità di riformare le interdittive antimafia in vista dei fondi del Recovery plan. Una proposta che ha fatto molto discutere e che non convince Gentili e Ramoni

Ilaria Ramoni

Ilaria RamoniAvvocato e amministratore giudiziario

David Gentili

David GentiliPresidente della Commissione consiliare antimafia del Comune di Milano

Luigi Ioculano, medico di Gioia Tauro ucciso nel 1998

Nel misterioso omicidio di Luigi Ioculano, le trame tra 'ndrangheta e politica

Il boss Piromalli voleva candidare a sindaco di Gioia Tauro questo medico di base con una forte passione civica, suo amico d'infanzia, ma lui si rifiutò. Il suo assassinio, tuttora senza risposte, racconta chi ancora comanda nella Piana

Francesco Donnici

Francesco DonniciGiornalista Corriere della Calabria

Articolo solo per iscritti

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar