Mafie

Mafie è il nome comunemente dato ad alcune organizzazioni criminali nate nel meridione d’Italia alla fine dell’Ottocento. Sono riconosciute come mafie storiche la Cosa nostra siciliana, la ‘ndrangheta calabrese e la camorra campana, cui è stata aggiunta in tempi più recenti la Sacra corona unita pugliese. 

Le mafie riescono a controllare, in modo più o meno invasivo, il contesto in cui si inseriscono soprattutto grazie al loro carattere violento e alla capacità di creare e sfruttare un’ampia rete di relazioni. Attraverso queste modalità le mafie storiche si sono riprodotte, nel corso degli anni, anche nel Settentrione d’Italia e in altre parti del mondo. 

Nel 1982, con l’introduzione dell’articolo 416 bis del codice penale, l’associazione di tipo mafioso è stata riconosciuta come reato. La norma definisce mafiosa qualunque organizzazione che utilizza la “forza di intimidazione” per controllare attività legali (come appalti e concessioni pubbliche) e illegali (come traffico di droga ed estorsioni) o alterare il libero esercizio del voto. Secondo la norma, la forza di intimidazione di questi gruppi si esprime principalmente nell’“assoggettamento” provocato nei confronti di chi non ne fa parte e nell’“omertà” che ne deriva.

A partire dagli anni Novanta, in Italia, sono state incriminate per mafia anche organizzazioni diverse dalle mafie storiche, sia italiane che straniere, come la Mala del Brenta, alcune formazioni romane, e diversi gruppi di origine cinese, nigeriana e rumena.

Mercantili nel porto di Ancona. Credits: Claudio Stanco

Le mani delle mafie sui porti d'Italia

Dal 2005 al 2017 uno scalo marittimo su sette è stato oggetto degli interessi della criminalità organizzata. Ancona, Cagliari, Genova e Gioia Tauro quelli più sfruttati

Marco Antonelli

Marco AntonelliDottorando in Scienze politiche all’Università di Pisa

Ancora poco spesi i fondi per le imprese tolte a mafie e corrotti

Ancora poco spesi i fondi per le imprese tolte a mafie e corrotti

L'ultima manovra ha destinato 10 milioni di euro per le imprese confiscate alla criminalità, sommandosi ai 14 milioni non ancora spesi. Procedure farraginose rallentano i tentativi di far funzionare bene certe attività

Avviso Pubblico

Avviso PubblicoEnti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie

Cosenza, teatro Rendano. Un'immagine dell'edizione 2020 on streaming di Musica contro le mafie

Musica contro le mafie, un brano in dialetto è il riscatto della Calabria

A San Michele di Davide Ambrogio è il brano vincitore dell'undicesima edizione del premio musicale

Francesco Donnici

Francesco DonniciGiornalista Corriere della Calabria

La residenza progettata da Zaha Hadid nel quartiere City Life a Milano. Qui vive Francesco Maida, imprenditore vicino alla 'ndrangheta (Crediti City Life)

Affari globali ed elemosina dallo Stato

A giugno un imprenditore milanese molto vicino alla 'ndrangheta cercava di ottenere gli aiuti dello Stato alle imprese. L'inchiesta Habanero rivela le capacità finanziarie delle cosche

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Claudio Clemente

Dentro l'antiriciclaggio

Dal 2013 Claudio Clemente guida l'Unità di informazione finanziaria (Uif) della Banca d'Italia che contrasta il riciclaggio delle ricchezze frutto di attività illecite

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar