Mafie

Mafie è il nome comunemente dato ad alcune organizzazioni criminali nate nel meridione d’Italia alla fine dell’Ottocento. Sono riconosciute come mafie storiche la Cosa nostra siciliana, la ‘ndrangheta calabrese e la camorra campana, cui è stata aggiunta in tempi più recenti la Sacra corona unita pugliese. 

 

Le mafie riescono a controllare, in modo più o meno invasivo, il contesto in cui si inseriscono soprattutto grazie al loro carattere violento e alla capacità di creare e sfruttare un’ampia rete di relazioni. Attraverso queste modalità le mafie storiche si sono riprodotte, nel corso degli anni, anche nel Settentrione d’Italia e in altre parti del mondo. 

 

Nel 1982, con l’introduzione dell’articolo 416 bis del codice penale, l’associazione di tipo mafioso è stata riconosciuta come reato. La norma definisce mafiosa qualunque organizzazione che utilizza la “forza di intimidazione” per controllare attività legali (come appalti e concessioni pubbliche) e illegali (come traffico di droga ed estorsioni) o alterare il libero esercizio del voto. Secondo la norma, la forza di intimidazione di questi gruppi si esprime principalmente nell’“assoggettamento” e nell’“omertà” provocata nei confronti di chi non ne fa parte. 

 

A partire dagli anni Novanta, in Italia, sono state incriminate per mafia anche organizzazioni diverse dalle mafie storiche, sia italiane che straniere, come la Mala del Brenta, alcune formazioni romane, e diversi gruppi di origine cinese, nigeriana e rumena.

'Ndrangheta in Valle d'Aosta: un comune sciolto e tre politici a processo

Dopo la decisione del Viminale, a Saint-Pierre (Valle d'Aosta) arrivano i commissari. Nella sua amministrazione un assessore era sostenuto da alcuni presunti mafiosi. Presto quel politico finirà davanti ai giudici insieme ad altri due eletti

Andrea Giambartolomei

di Andrea Giambartolomei Redattore lavialibera

Rifiuti in fiamme: il patto tra imprenditori, amministratori e mafie

Nella sua ultima relazione semestrale la Direzione investigativa antimafia (Dia) ha dedicato un focus ai crimini ambientali, puntando i riflettori sui molteplici interessi che si nascondono dietro lo smaltimento illecito dei rifiuti. Tra le …

Rosita Rijtano

di Rosita Rijtano Redattrice lavialibera

"La mafia foggiana sta reagendo contro chi si ribella"

In occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario della Corte d'appello di Bari, il presidente Franco Cassano e la procuratrice generale Anna Maria Tosto analizzano la serie di attentati avvenuti nel territorio della Capitanata: servono soldi …

Andrea Giambartolomei

di Andrea Giambartolomei Redattore lavialibera

Comuni sciolti per mafia: numeri, motivazioni e conseguenze

Lo scioglimento di comuni e altre amministrazioni locali per fenomeni di infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso è stato introdotto nel nostro ordinamento nel 1991. Dal 1991 al gennaio 2020 si contano 257 enti interessati

Rosita Rijtano

di Rosita Rijtano Redattrice lavialibera

Battaglia e Orlando: "Le stragi di mafia ci hanno costretto a essere migliori"

Hanno conosciuto Palermo flagellata dalla violenza mafiosa. L'hanno vista soccombere, ribellarsi e infine rinascere. Letizia Battaglia, pluripremiata fotografa antimafia, e Leoluca Orlando, per la quinta volta sindaco del capoluogo siciliano, sono …

Elena Ciccarello

di Elena Ciccarello Direttrice responsabile lavialibera

Il giornalismo che serve,
nel mondo che cambia.

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi avere maggiori informazioni sulle nostre promozioni o sui nostri servizi, contattaci compilando il form. Useremo i tuoi dati solo internamente per le nostre comunicazioni, niente spam!