Povertà educativa

Coronavirus a Roma, la scuola primaria Melissa Bassi consegna tablet per lezione a distanza al campo rom di via di Salone. Foto C. Fabiano/ LaPresse, 23 aprile 2020, Roma

La tecnologia bene comune, contro le disuguaglianze digitali

Durante il lockdown almeno uno studente su 10 non aveva un computer su cui seguire le lezioni. Il Cura Italia stanzia (pochi) fondi per la didattica a distanza degli studenti meno abbienti, ma la strada da seguire potrebbe essere un'altra

Massimo Razz

Massimo RazziGiornalista e scrittore

Credits: Cdc, Unsplash

Più scuola, per tutte e tutti

Bisogna avviare un dibattito pubblico per individuare un grande progetto di istruzione e formazione in cui tutto il Paese possa credere

Maria Chiara Acciarini

Maria Chiara AcciariniPreside e sottosegretaria al Ministero della famiglia nel II Governo Prodi

Articolo solo per abbonati
Foto di Kelly Sikkema

Coronavirus, chi pensa ai bambini?

Covid-19 ha stravolto le vite di bambini e ragazzi. Mentre infuria il dibattito sulle recenti misure del Governo, il pedagogista Raffaele Mantegazza prospetta rischi e soluzioni per affrontare il prima e dopo quarantena

Francesca Rascazzo

Francesca RascazzoEditor per Edizioni Gruppo Abele

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar