Invasi dalle narrazioni tossiche

Intervista a Selene Pascarella, autrice di Tabloid inferno: libro che racconta il dietro le quinte della cronaca nera

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

3 maggio 2021

«Sele’, io di Sarah Scazzi non ne posso più, passiamo ad altro?».

«So che mi pentirò amaramente di quello che sto per dire, ma la concorrenza continua a sparare copertine su Avetrana a getto continuo. Non possiamo mollare».

«Hai ragione pure tu, ma mi sembra che da questo paesotto abbiamo spremuto tutto quello che c’era...».

«Sele’» è il diminutivo di Selene Pascarella, classe 1977, una passione per la cronaca nera e quattro anni trascorsi a lavorare per un service informale, una sorta di redazione telematica che produce pezzi per conto terzi, a volte intere riviste, in questo caso tabloid. All’altro capo del telefono c’è «Senpai», il suo superiore, colui che idea i prodotti da proporre agli editori e riceve le commissioni dai clienti. La conversazione è riportata in Tabloid inferno. Confessioni di una cronista di nera (2016, Alegre). Obiettivo? «Mostrare il dietro le quinte delle notizie di merda – risponde candidamente Pascarella –. Le narrazioni tossiche che tutti imputiamo alla cronaca nera hanno rotto la diga da un pezzo e dilagano, finendo persino negli atti processuali». Dai migranti ai tossicodipendenti, hanno invaso molte sfere.

“Nel raccontare la cronaca nera e giudiziaria tabloid e quotidiani sono sullo stesso piano”

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar