Cambiamento climatico

Da sempre la Terra attraversa ere climatiche differenti, per ragioni naturali. Tuttavia i cambiamenti climatici cui assistiamo oggi sono dovuti in gran parte all’attività dell’uomo e in particolare all'utilizzo dei combustibili fossili. La loro combustione produce gas, come l’anidride carbonica, che accrescono l’effetto serra del pianeta, causando il surriscaldamento globale.

Gli scienziati stimano che dall’inizio della rivoluzione industriale le attività umane abbiano prodotto un aumento della temperatura media globale di circa un grado Celsius. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: trasformazione del clima, siccità, scioglimento dei ghiacciai, innalzamento del livello dei mari, aumento delle precipitazioni, perdita di biodiversità.

Da anni gli scienziati denunciano la situazione e propongono soluzioni per contrastare gli effetti del riscaldamento globale. Sono comparsi movimenti ecologisti e nuovi attivisti, come Greta Thunberg. Ma i governi faticano a intervenire.

 
Markus Spiske/Unsplash

Cos'è sostenibile? Lo dice l'Ue, che però non decide su gas e nucleare

Da quattro anni la Commissione Ue lavora a una tassonomia che definisca quali siano gli investimenti verdi (e quali no). Ma 226 scienziati e ong denunciano: l'ultima bozza è un'operazione di greenwashing

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

18 settembre 2017, lago Ciad. Credits: Ansa/Ufficio stampa Oxfam

Effetto farfalla, ecco perché migrazioni e crisi climatica sono connesse

L'innalzamento degli oceani di circa due metri previsto per fine secolo costringerà 700 milioni di persone all'esodo: 70 milioni potrebbero lasciare l'Africa già entro il 2030

Marco Aime

Marco AimeAntropologo

Articolo solo per abbonati
Donatella Bianchi, presidentessa del Wwf, al termine dell'incontro con Mario Draghi il 10 febbraio (Ettore Ferrari - Epa)

Cos'è e a cosa serve un ministero per la transizione ecologica

Tra i temi affrontati nelle consultazioni tra Mario Draghi, partiti e parti sociali, c'è l'ipotesi di istituire un ministero per la transizione ecologica. Su questo tema si gioca il voto degli iscritti al M5s che vale la fiducia all'esecutivo

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

Bruxelles, 16 ottobre 2020. Johanna Geron/AP

Il recovery plan non ferma i sussidi alle fonti fossili

Mentre il governo litiga sulla bozza del Piano nazionale di ripresa per spendere i 196 miliardi di Next Generation Eu, le associazioni ambientaliste chiedono un cambio di passo reale

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

Lucio Cavazzoni: "Mangiate il cibo dei piccoli agricoltori"

Lucio Cavazzoni: "Mangiate il cibo dei piccoli agricoltori"

Secondo il presidente di Good land, la riforma della Politica agricola comune è un disastro. A pesare: il potere delle grandi lobby, l'attenzione esclusiva a Covid-19 e l'inettitudine del mondo politico

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar