Diritto all'istruzione

Il diritto all’istruzione, codificato sia a livello internazionale che nazionale, è uno dei cardini su cui si costruiscono democrazia e sviluppo. Al di là della formulazione scelta (diritto all’istruzione, diritto all’educazione, diritto allo studio), questo principio si caratterizza perché riconosce a tutti gli individui la possibilità di accedere ad un bagaglio di conoscenze e competenze considerazione essenziali alla crescita della persona. 


Gratuita, obbligatoria, non discriminatoria e di qualità. I diversi strumenti giuridici qualificano così l’istruzione di cui uno Stato deve farsi garante. E da questa costruzione del diritto all’istruzione emerge chiaro il suo essere uno strumento per realizzare altri diritti. Educare significa consentire ad un individuo di elevarsi culturalmente, socialmente ed economicamente. Ma significa anche regalare alla collettività una mente in grado di collaborare alla definizione di una società più equa, più giusta, che abbia a cuore questioni come l’uguaglianza, la pace, lo sviluppo sostenibile. In questa prospettiva, ancora più importanza acquisisce il diritto all’istruzione quando concretamente garantito alle fasce più povere della popolazione, per le quali la conoscenza rappresenta una possibilità di riscatto e un modo per attivare il tanto agognato ascensore sociale.

Gli universitari vogliono la Dad

Gli universitari vogliono la Dad

A differenza dei loro colleghi minorenni, la maggior parte degli studenti delle università italiane (quasi due milioni) non sembra avere alcuna fretta di tornare a lezioni esclusivamente in presenza

Elena Ciccarello

Elena CiccarelloDirettrice responsabile lavialibera

(Tiffany Tertipes/Unsplash)

I fuori sede calabresi: "Fateci votare via posta"

Per votare gli universitari fuori sede devono fare lunghi viaggi verso i comuni di residenza. Il Collettivo Peppe Valarioti propone sia concesso il voto via posta ai tanti giovani calabresi che studiano lontani dalla loro regione

Collettivo Peppe Valarioti

Collettivo Peppe Valarioti

Articolo solo per abbonati
Lavialibera va a scuola, una rivista a sostegno della didattica

Lavialibera va a scuola, una rivista a sostegno della didattica

Lavialibera è tra le riviste che possono essere acquistate dalle scuole a titolo (quasi) gratuito, grazie ad un contributo dell'editoria che copre il 90% del costo di abbonamento. Per richiederlo, però, c'è tempo solo fino al 10 marzo. Ecco come fare

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

Le sagome di Zaki all'Università di Bologna (Foto Unibo Magazine)

La professoressa di Zaki: "La difesa di Patrick supera i confini"

A lavialibera, Rita Monticelli, ordinario all'Università di Bologna, racconta Patrick studente e ribadisce la richiesta di libertà e giustizia

Natalie Sclippa

Natalie SclippaRedattrice lavialibera

11 gennaio 2020, sit in di protesta davanti al municipio di Torino

"La didattica a distanza non è più un'opzione"

Dopo la protesta di studentesse e studenti, anche insegnanti e genitori chiedono un ritorno in classe full time. A Torino istituito un presidio settimanale

Marika Demaria

Marika DemariaGiornalista Gruppo Abele

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar