Anac

L’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) è un organismo amministrativo indipendente creato nel 2014 per un’attività di controllo sui contratti e gli appalti pubblici. Ha preso il posto della Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l'Integrità delle amministrazioni pubbliche (Civit) e dell’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici (Avcp). Fino al 2019 l’Anac è stata presieduta dal magistrato Raffaele Cantone. La guida dell’autorità è stata allora presa dal consigliere più anziano, Francesco Merloni, in attesa della nuova nomina da parte del governo.

Il compito dell’Anac (anche chiamata “Anticorruzione”) è fare prevenzione contro la corruzione nelle amministrazioni pubbliche, nelle società partecipate o in quelle controllate. Lo fa attraverso un controllo della trasparenza e con la vigilanza su contratti e incarichi. Predispone regolamenti e pareri e controlla i piani triennali per la prevenzione della corruzione e della trasparenza preparati dagli enti pubblici. Tramite una piattaforma informatica può ricevere le segnalazioni di condotte illecite da parte di dipendenti di amministrazioni o società pubbliche (“whistleblowing”).

 
Coronavirus, per la fase 2 occorre tutelare i whistleblower

Coronavirus, per la fase 2 occorre tutelare i whistleblower

Frodi nelle forniture, tangenti sugli appalti: emergenza e scarsi controlli sono occasione per imprenditori rapaci. Potenziare gli strumenti dell'anticorruzione potrebbe essere una via

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

Covid. Il (falso) dilemma tra emergenza e trasparenza

Covid. Il (falso) dilemma tra emergenza e trasparenza

Spazzare via tutto, dal Codice degli appalti ai certificati antimafia: è la proposta di Giovanni Toti per affrontare l'emergenza. Ma i primi arresti dimostrano che c'è già chi specula sulla crisi

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

Francesco Merloni, presidente facente funzioni dell'Anticorruzione

La sfida dell'Anac: mappare la corruzione in Italia

Al via il progetto per calcolare gli indicatori di "rischio tangenti" nelle amministrazioni e negli enti pubblici italiani. Un calcolo complesso, ma necessario per poter prevenire il malaffare e dare un quadro più preciso

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar