Anac

L’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) è un organismo amministrativo indipendente creato nel 2014 per un’attività di controllo sui contratti e gli appalti pubblici. Ha preso il posto della Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l'Integrità delle amministrazioni pubbliche (Civit) e dell’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici (Avcp). Fino al 2019 l’Anac è stata presieduta dal magistrato Raffaele Cantone. La guida dell’autorità è stata allora presa dal consigliere più anziano, Francesco Merloni, in attesa della nuova nomina da parte del governo.

Il compito dell’Anac (anche chiamata “Anticorruzione”) è fare prevenzione contro la corruzione nelle amministrazioni pubbliche, nelle società partecipate o in quelle controllate. Lo fa attraverso un controllo della trasparenza e con la vigilanza su contratti e incarichi. Predispone regolamenti e pareri e controlla i piani triennali per la prevenzione della corruzione e della trasparenza preparati dagli enti pubblici. Tramite una piattaforma informatica può ricevere le segnalazioni di condotte illecite da parte di dipendenti di amministrazioni o società pubbliche (“whistleblowing”).

 
Francesco Merloni, presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione

L'Anac: "La criminalità sfrutta la corruzione. Col Covid effetti devastanti"

Il presidente Merloni denuncia: "Dietro i consensi di facciata una resistenza tenace". L'organismo viene visto come "un intralcio o produttore di nuovi vincoli"

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

La corruzione che c'è e quella che sarà

La corruzione che c'è e quella che sarà

Corrompere significa spezzare quel legame fiduciario che anima tutte le relazioni sociali. Comprendere queste pratiche è il primo passo per capire com'è cambiato il Paese e sapere come agire nella ricostruzione post coronavirus

Alberto Vannucci

Alberto VannucciProfessore di Scienza politica, Università di Pisa

(Pixabay)

Chi sono i whistleblower e perché il futuro dell'Italia dipenderà (anche) da loro

Il whistleblowing non è una semplice denuncia: serve a prevenire la corruzione e il malaffare negli ambienti di lavoro. Per questo ai segnalatore di illeciti va garantita una tutela, innanzitutto della privacy

Leonardo Ferrante

Leonardo FerranteReferente Anticorruzione civica Gruppo Abele e Libera

Melbourne, Australia: poster del dottore Li Wenliang, che aveva allertato le autorità  cinesi sui rischi del coronavirus. (Adli Wahid - Unsplash)

Anticorruzione: "Nella fase 2 premi per i whistleblower che segnalano abusi o irregolarità"

Parisi, consigliera Anac e docente di diritto internazionale, suggerisce soluzioni per tutelare chi denuncia il malaffare all'interno di amministrazioni e aziende in questa emergenza: "Mettiamo in pausa le linee guida e lavoriamo sulla nuova legge"

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Coronavirus, per la fase 2 occorre tutelare i whistleblower

Coronavirus, per la fase 2 occorre tutelare i whistleblower

Frodi nelle forniture, tangenti sugli appalti: emergenza e scarsi controlli sono occasione per imprenditori rapaci. Potenziare gli strumenti dell'anticorruzione potrebbe essere una via

Redazione <br> lavialibera

Redazione
lavialibera

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar