'Ndrangheta

Si chiama così l’organizzazione criminale nata in Calabria e diffusa ormai anche nel centro e nord Italia (soprattutto Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Liguria), in diverse parti d’Europa (come ha dimostrato anche la strage di Duisburg, in Germania) in America, a partire dal Canada, e in Australia. Per questa sua ramificazione, che la mette in contatto anche con i narcotrafficanti colombiani e messicani, la ‘ndrangheta  viene ritenuta una delle organizzazioni criminali più potenti al mondo. Si pensa si sia sviluppata a partire dall’Ottocento, nelle zone più a sud della Calabria. 

Tra le mafie storiche italiane, la ‘ndrangheta è quella che fa maggiore ricorso a riti e liturgie tradizionali. È strutturata a partire dalla famiglia, chiamata anche cosca o ‘ndrina. Più famiglie vicine in uno stesso territorio formano una “società” o una “locale” di ‘ndrangheta.

La perquisizione della polizia tedesca in uno dei locali appartenenti alla 'ndrangheta in Germania

Soldi sporchi nei ristoranti della Germania meridionale, "rifugio strategico" delle 'ndrine

L'inchiesta Platinum-Dia rivela che la cosca Giorgi di San Luca riciclava denaro attraverso alcune pizzerie di Baden-Baden e Überlingen, in Germania. Per la polizia tedesca, nel Baden-Württemberg vivono 154 mafiosi italiani, di cui 81 appartenenti …

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

(Particolare da una foto di Michael Ramey su Unsplash)

Nelle periferie vive il cuore del giornalismo

Incontrare le mafie e fare del buon giornalismo – mestiere non facile – quando ci si trova lontani dal centro significa combattere a viso aperto, essere pronti allo scontro e alla paura

Michele Albanese

Michele Albanesegiornalista e presidente dell'Unione nazionale cronisti italiani Calabria

Articolo solo per iscritti
Questo Trentino, giornalismo d'inchiesta over60

Questo Trentino, giornalismo d'inchiesta over60

A Trento un mensile da anni si dedica agli approfondimenti legati al territorio, in un contesto dove i media sono dominati da un editore. La sopravvivenza di questa realtà, però, è a rischio

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

Articolo solo per abbonati
Manifestazione per l'anniversario della morte di Barbara Corvi. Credits: Fabrizio Ricci

Non scomparse, ma uccise da uomini di 'ndrangheta

È la storia di Barbara Corvi, sparita nel 2009: dicevano fosse scappata, invece è stato il marito ad assassinarla. La stessa sorte era toccata alla cognata, Angela Costantino

Fabrizio Ricci

Fabrizio RicciGiornalista, redattore di Collettiva.it e coordinatore provinciale Libera Umbria Roberto Morrione

Il sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, ha segnalato ai carabinieri strane manovre sul progetto di una sala slot (foto ufficio stampa Comune di Modena)

Modena blocca la sala slot del boss e il sindaco denuncia l'affare

Le norme del Comune emiliano vogliono limitare l'azzardo patologico. Per superarli il presunto mafioso Grande Sarcone cercava agganci nella politica, ma Gian Carlo Muzzarelli ha segnalato le manovre ai carabinieri

Avviso Pubblico

Avviso PubblicoEnti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar