Caporalato

Il caporalato indica lo sfruttamento dei lavoratori, spesso migranti di origine straniera, esercitato dai cosiddetti “caporali”, intermediari che reclutano e organizzano la mano d’opera per conto di imprenditori. Caporalato significa anche paghe al di sotto delle tariffe stabilite dai contratti collettivi, orari di lavoro dilatati, riposi ridotti al minimo e nessuna misura di sicurezza. Può essere ritenuto un ambito dell’economia mafiosa e, in particolare, della cosiddetta agromafia.

Il fenomeno è diffuso in tutta Italia, dal Nord al Sud, e riguarda soprattutto settori come l’agricoltura, ad esempio la raccolta della frutta, l’allevamento, il facchinaggio e l’edilizia. Dal 2016 è stato introdotto il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro per punire con la reclusione fino a sei anni chi attua questa pratica. 
Il caporalato è un affare di padroni e di padrini, di sfruttamento dei deboli e marginalità.

Cuneo, 24 settembre 2020. Prima udienza del processo Momo sul caporalato nel saluzzese. Foto di Federico Tisa

La "banda dei pennuti". Caporalato a Saluzzo

Al via al tribunale di Cuneo il primo processo per caporalato nel distretto della frutta di Saluzzo, dove su una media di 13mila stagionali, 11mila sono stranieri

Federica Tourn

Federica TournGiornalista

Federico Tisa

Federico TisaFotografo

Articolo solo per abbonati
Maria Luisa Terrenzio con i primi lavoratori del progetto NoCap, 2019

Bio, noCap e km 0. A Foggia è possibile

Maria Luisa Terrenzio, 27 anni, è una giovane imprenditrice nel settore agricolo: a Rigano Garganico ha creato la cooperativa PrimaBio che coniuga prodotti biologici e lotta al caporalato

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

Articolo solo per abbonati
Yvan Sagnet: "Se è bio non è detto sia anche NoCap"

Yvan Sagnet: "Se è bio non è detto sia anche NoCap"

A quasi un anno dall'approvazione del primo Piano nazionale contro il caporalato, il sindacalista simbolo del riscatto dei braccianti in Italia fa il punto sulla situazione, a partire dalla richiesta di una riforma urgente dei centri per l'impiego

Marika Demaria

Marika DemariaGiornalista Gruppo Abele

Credits: Action Aid

Violentate e pagate meno: donne al lavoro nei campi

In totale, sono 180mila i lavoratori vulnerabili allo sfruttamento. Lo denuncia il V rapporto Agromafie e caporalato a cura dell'Osservatorio Placido Rizzotto della Flai-Cgil che fotografa la situazione nel settore agroalimentare dal 2018 al 2020

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Un allenamento della squadra di basket per le seconde generazioni Tam tam

Limbo Castel Volturno

Kodjo, Cheboh e Grace sono tre facce della popolazione di Castel Volturno: una prigione da cui, tra crisi economica e coronavirus, non riescono a emanciparsi. Secondo l'ex sindaco Russo, qui vivrebbero 15mila migranti fantasma

Valerio Muscella

Valerio MuscellaFotoreporter

Michele Bertelli

Michele BertelliGiornalista

Articolo solo per abbonati

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar