Coronavirus, Luigi Ciotti: "Prima che di regole, è una questione di corresponsabilità"

Questa è un'occasione per riflettere e guardarci di più attorno, per costruire una società più umana e giusta. La speranza è un bene essenziale, ma fragile e ha bisogno di ciascuno di noi

Luigi Ciotti

Luigi CiottiDirettore editoriale lavialibera

11 marzo 2020

Questo è un frangente difficile, molto delicato, ma è anche un'occasione per riflettere, per guardarci dentro e per guardarci di più attorno. Per riconoscerci di più, tutti, nella nostra fragilità, che è la premessa per costruire una società più umana e più giusta

Questa è un'occasione anche per vivere fino in fondo la nostra idea di cittadinanza, cioè essere i promotori e assieme i custodi del bene comune: in questo caso la salute pubblica, la salute di ciascuno di noi. 

Seguiamo, dunque, le indicazioni che ci vengono date dagli scienziati per contenere il contagio, fatte proprie anche dal Governo e dalle istituzioni. 

Non dimentichiamo che prima che una questione di regole e di legalità è una questione di resposabilità, corresponsabilità e, lasciatemelo dire, anche di vita. Sono gli ingredienti indispensabili della speranza, che è un bene essenziale, ma fragile. Un bene che ha bisogno dell'impegno di ciascuno di noi. 

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar