Credits: Emilio Garcisa, Unsplash
Credits: Emilio Garcisa, Unsplash

Il calcio in manette

Dal primo scandalo del 1980 a oggi, un lungo elenco di inchieste fotografa il livello di inquinamento e decadenza etica del nostro calcio

Peppe Ruggiero

Peppe RuggieroVicedirettore lavialibera

7 luglio 2020

C'è una data e un'ora precisa che ha dato il via al primo grande scandalo del calcio italiano. Sono le ore 17 di domenica 23 marzo 1980 quando le auto della Guardia di Finanza entrano sulla pista dello stadio Olimpico di Roma. Le immagini vengono trasmesse in diretta dalla Rai all’interno di 90º minuto. Nove calciatori di Serie A vengono arrestati: tra di loro i laziali Bruno Giordano, Lionello Manfredonia e Pino Wilson e i milanisti Enrico Albertosi e Giorgio Morini. È l’inizio del calcio scommesse o, come è stato chiamato allora, del Totonero.

Coinvolti calciatori, dirigenti e squadre di serie A e B impegnati a truccare partite attraverso scommesse clandestine. Le pene furono severe: retrocessione in Serie B per il Milan e la Lazio, penalizzazione per Avellino, Bologna e Perugia. Radiazione per Felice Colombo, presidente del Milan,  squalifica per  diciotto calciatori, tra i quali Enrico Albertosi (quattro anni), Pino Wilson, Bruno Giordano e Lionello Manfredonia (tre anni il primo, tre anni e sei mesi gli altri due), Paolo Rossi (due anni). Un terremoto che assestò un colpo quasi mortale al sistema calcio, togliendo credibilità a risultati e vicende agonistiche.

Sei anni  dopo, in un’Italia che si era appena ripresa da quello scandalo, un altro caso di calcio scommesse sconvolse la penisola. Coinvolte società dalla Serie A alla Serie C2 con un giro enorme di partite truccate nelle stagioni 1984-85 e 1985-86. Di tutt’altro carattere fu invece lo scandalo denominato Calciopoli nel 2006, con protagonisti anche alcuni arbitri della massima serie. Tra gli indagati figuravano i dirigenti della Juventus, della Fiorentina e della Lazio. Intrattenevano rapporti con i disegnatori arbitrali al fine di avere arbitri favorevoli durante le loro partite. Le sentenze emesse furono di retrocessione al campionato di Serie B più nove punti di penalizzazione per la Juve a cui furono revocati anche gli ultimi due scudetti vinti, punti di penalizzazione per Milan, Lazio e Fiorentina.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar