Italia-Libia

Il cadavere di un migrante, lasciato per giorni alla deriva nel Mediterraneo. Credits: Seawatch

Morti in mare, attesi a casa

Dall'inizio dell'anno alla metà di giugno l'Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati ha contato 248 migranti morti e scomparsi nel Mediterraneo. Alcune famiglie tunisine si battono per sapere dove siano i loro figli, fratelli, cugini

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

Un gruppo di migranti attende di essere trasportato a bordo della nave Sea Watch 3 in acque internazionali a nord della Libia (febbraio 2020). Foto di Valerio Muscella

I diritti calpestati dei migranti

Capire i dati, ripensare il linguaggio e le categorie tradizionali: azioni necessarie per andare oltre gli stereotipi sulle migrazioni, che hanno portato alla progressiva criminalizzazione del diritto umano alla mobilità

Monica Massari

Monica MassariProfessoressa associata di Sociologia dell’università di Milano

Pietro Bartolo. Credits: Wikipedia

Ocean Viking, Bartolo: "Sadico lasciarli in mare”

In un'intervista a lavialibera l'europarlamentare interviene sul caso della nave della Ong Sos Mediterranée, con a bordo 180 persone, che ha dichiarato lo stato d'emergenza

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Maurice Stierl (a destra, di spalle) saluta l'equipaggio di Open Arms. Credits: Friedrich Bungert, Sea-Watch

"L'Europa è la vera collaboratrice dei trafficanti"

Intervista a Maurice Stierl, co-fondatore di Alarm phone, linea telefonica di emergenza nata per supportare i migranti che tentano di raggiungere l'Europa. L'emergenza coronavirus ha peggiorato la situazione nel Mediterraneo e si teme una strage

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Mediterraneo, migranti costretti a tornare in Libia. Ong: "Respingimenti illegali"

Mediterraneo, migranti costretti a tornare in Libia. Ong: "Respingimenti illegali"

Continua la tragedia dei migranti in mare. La situazione è aggravata dallo stop delle navi delle organizzazioni non governative dovuto alle misure anti-coronavirus

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar