Rifiuti

La società dei rifiuti è l’altra faccia della società dei consumi.Dark side di una luna bulimica, convinta di potersi espandere in eterno. Produciamo, consumiamo e quindi creiamo rifiuti. Li disperdiamo incuranti nell’ambiente, fino a non sapere più come e dove nasconderli. Una situazione critica su cui la pandemia di Covid-19 ha ulteriormente infierito, con il suo carico di mascherine e guanti in lattice abbandonati ovunque, e con i suoi provvedimenti emergenziali che hanno allargato le maglie dei controlli.
Duri a morire, i rifiuti finiscono sottoterra, o nel mare, o bruciati nell’aria. Spazzatura che diventa business. Il traffico dell'immondizia attira criminali a caccia di soldi facili e mafie con l'esigenza di lavare denaro. La criminalità organizzata si infiltra nelle falle del sistema, approfittando dei varchi lasciati aperti da una normativa farraginosa e una governance debole. Parlare di rifiuti, quindi, significa discutere di modelli di sviluppo e crescita, ma anche della necessità di rivederne i processi di gestione, tenendo conto dell’impossibilità di scaricarne i costi esclusivamente sulle casse pubbliche.

I rifiuti campani scuotono il governo tunisino

I rifiuti campani scuotono il governo tunisino

Il ministro dell'Ambiente della Tunisia è stato arrestato. Al centro della vicenda, un carico partito da un piccolo comune del salernitano (Polla) e su cui sta indagando anche la procura di Salerno

Daniela De Crescenzo

Daniela De CrescenzoGiornalista

Immagine di Dirk Rabe da Pixabay

Ecomafie, storia di una parola e una lotta

All'origine di questo termine ci sono le battaglie di alcuni ambientalisti contro i traffici di rifiuti. Un atto giudiziario ritrovato per caso, i fax e poi l'intervento di magistrati e politici

Peppe Ruggiero

Peppe RuggieroVicedirettore lavialibera

Una foto della Jolly rosso spiaggata ad Amantea (CS)

Natale De Grazia, a 25 anni dalla morte, molte domande e alcune risposte

Nell'anniversario della scomparsa dell'ufficiale della capitaneria di porto di Reggio Calabria, nuovi studi fanno luce sulle deleghe di indagine che De Grazia portava con sé la notte che è morto

Andrea Carnì

Andrea CarnìDottorando in Studi sulla criminalità organizzata, Università di Milano

Milano, 17 marzo 2019. La polizia scientifica indaga sull'incendio in un deposito rifiuti in via Campazzino. M. Corner/LaPresse

Rifiuti, nelle falle del sistema si infiltrano gli ecocriminali

Il traffico dell'immondizia attira criminali a caccia di soldi facili e mafie con l'esigenza di lavare denaro. Governare le sue storture significa rigovernare l'intero processo di produzione e consumo

Antonio Pergolizzi

Antonio PergolizziCuratore del rapporto Ecomafia di Legambiente

Articolo solo per abbonati
L'esterno dell'azienda Miteni, la principale responsabile dell'inquinamento da Pfas. Credits: Tommaso Meo

Il più grande inquinamento da Pfas d'Europa è in Veneto

Una vicenda rimasta sepolta per decenni, che vede imputati tredici manager, è ora al vaglio dei giudici del tribunale di Vicenza. Dopo uno stop dovuto al Covid-19, sono ricominciate le udienze preliminari

Tommaso Meo

Tommaso MeoGiornalista freelance

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar