Beni confiscati

I beni confiscati alle mafie sono una delle forme di lotta alla criminalità organizzata più efficace e anche ricca di significato. Le ricchezze accumulate illecitamente dai mafiosi, ad esempio coi soldi del traffico di droga o delle estorsioni, possono essere espropriate per diventare proprietà dello Stato. Lo prevedono alcune leggi statali. La prima, alla base di tutto, è la legge Rognoni-La Torre che ha introdotto il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso e la confisca “delle cose che ne sono il prezzo, il prodotto, il profitto o che ne costituiscono l’impiego”. 

 

Nel 1995 Libera ha lanciato la campagna “Le mafie restituiscono il maltolto” e l’anno successivo è stata approvata una legge per il riutilizzo dei beni confiscati per scopi sociali. A occuparsi della gestione e della destinazione di questi beni, tra cui immobili e aziende, è l’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alle mafie e alla criminalità organizzata (Anbsc). 

Raccontare questo ambito vuol dire raccontare l’impegno dello Stato e delle associazioni, il riscatto della società civile sulle organizzazioni criminali, la nascita di filiere produttive etiche e sostenibili, ma anche le difficoltà talvolta incontrate da chi porta avanti progetti.

Il bancone di KeBuono, la pasticceria ottenuta in un bene confiscato alla criminalità a Fier, in Albania

Da club del crimine a pasticceria sociale. L'Albania scopre il riutilizzo dei beni confiscati

A Fier nel 2018 è nato KeBuono, laboratorio e bar ottenuti in quello che era un night. Donne e giovani frequentano corsi per imparare a produrre dolci e poi trovare lavoro, mentre i bambini del quartiere seguono attività ricreative

Giulia Baruzzo

Giulia BaruzzoReferente settore internazionale di Libera – area europea

Ancora poco spesi i fondi per le imprese tolte a mafie e corrotti

Ancora poco spesi i fondi per le imprese tolte a mafie e corrotti

L'ultima manovra ha destinato 10 milioni di euro per le imprese confiscate alla criminalità, sommandosi ai 14 milioni non ancora spesi. Procedure farraginose rallentano i tentativi di far funzionare bene certe attività

Avviso Pubblico

Avviso PubblicoEnti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie

22 luglio 2017, la casa del boss di Buccinasco Rocco Papalia diventa un centro di accoglienza per minori stranieri . Papalia ha fatto causa al Comune per un cortile (Foto Stefano Porta - Lapresse )

A Buccinasco il boss cita il Comune in tribunale

Nel paese dell'hinterland di Milano, "la 'ndrangheta ha perso". Tuttavia il boss Rocco Papalia, tornato in libertà, ha fatto causa al Comune per l'uso di un cortile: "Vuole continuare la sfida allo Stato", dice il sindaco Rino Pruiti

Avviso Pubblico

Avviso PubblicoEnti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie

Un terreno a Paceco (Trapani), dove Libera Terra produce i meloni gialli (Facebook)

Nuovi sequestri all'imprenditore ponte tra politica e mafia dopo il verdetto della Cassazione

Per la Suprema corte, i giudici di Palermo avevano impiegato troppo tempo nel decidere e il trapanese Michele Mazzara aveva riottenuto i suoi beni. Dopo le polemiche, un nuovo sequestro

Rino Giacalone

Rino GiacaloneGiornalista e direttore di Alqamah.it

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar