Monte Sant'Angelo, un muro con gli spazi per i manifesti elettorali (Andrea Giambartolomei)
Monte Sant'Angelo, un muro con gli spazi per i manifesti elettorali (Andrea Giambartolomei)

I clan dentro i municipi

Cerignola, Monte Sant'Angelo, Mattinata e Manfredonia: sono quattro i Comuni sciolti per mafia in provincia di Foggia. "Qui le pubbliche amministrazioni sono centri di spesa e la mafia cerca di impossessarsene"

Andrea Giambartolomei

Andrea GiambartolomeiRedattore lavialibera

13 ottobre 2021

Il 1° settembre 2015 al Palazzo di Città di Cerignola il sindaco Franco Metta celebra un matrimonio. Lo sposo è un pluripregiudicato affiliato a uno dei clan cittadini. Uno dei testimoni è un capoclan e pure tra gli invitati ci sono uomini condannati per associazione a delinquere di stampo mafioso. Metta, politico di destra e avvocato di lungo corso, difensore di tredici condannati nel processo Cartagine che negli anni Novanta ha certificato la mafiosità dei clan Piarulli-Mastrangelo-Ferraro e Ditommaso, dovrebbe sapere chi ha di fronte, ma si muove senza cautele: dopo le nozze, partecipa ai festeggiamenti e in pubblico elogia sposi, testimoni e invitati. Non è l’unico caso: "Oggi sposo due amici il cui amore ho visto nascere, crescere, consolidarsi – scrive su Facebook il 29 marzo 2016 –. Auguri a Franchino e a Francesca". Franchino, anche lui, è un pluripregiudicato e uomo di punta dei clan. Sono alcuni dei tanti episodi che hanno spinto il ministero dell’Interno a commissariare, l’11 ottobre 2019, l’amministrazione comunale di Cerignola per infiltrazioni mafiose. Metta, nel frattempo, è ricandidato per le amministrative nonostante la Corte d’appello di Bari l’abbia giudicato incandidabile, sentenza non definitiva. "Di matrimoni civili ne ho celebrati a iosa", si era difeso con un video su YouTube dopo lo scioglimento. Però non c’è soltanto questo alla base della decisione.

 

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar