"Lavoro con gli uomini violenti per aiutare le vittime"

Paolo Giulini, presidente del Centro italiano per la promozione della mediazione, tratta gli autori di reati sessuali da oltre vent'anni

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

19 luglio 2021

“In mente ho sempre la vittima”. Paolo Giulini, presidente del Centro italiano per la promozione della mediazione (Cipm), lavora con gli autori di reati sessuali da oltre vent’anni. Stupratori, violenti, pedofili e "sempre più pedopornografi, anche adolescenti. Persone che nel 90 per cento dei casi non hanno abusato fisicamente dei minori. Che ritengano di non aver fatto nulla di male è una costante. Per renderli consapevoli, facciamo anche guardare loro video-interviste a chi ha subito gli abusi".

Confessioni di un pedopornografo: "Non faccio nulla di male"

Chi sono?

Di solito, uomini con una vita sociale adeguata che sviluppano una forma di dipendenza per le immagini di abusi, grazie a cui esercitano il loro desiderio di potere e controllo.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar