Catanzaro, 28 marzo 2021 (V. Ferraro/Ansa)
Catanzaro, 28 marzo 2021 (V. Ferraro/Ansa)

Elezioni, amara Calabria

Nei prossimi mesi i calabresi dovranno votare il nuovo presidente dopo la scomparsa di Jole Santelli. Finora la campagna elettorale sembra "la solita tragicommedia da teatrino d'oratorio"

Pantaleone Sergi

Pantaleone SergiGiornalista, scrittore e storico

3 giugno 2021

In mano alla ’ndrangheta, in mano alla massoneria deviata, in mano a vecchie e nuove lobby politiche, economiche e finanziarie, tutte coalizzate per spolparle le ossa, che quelle sono rimaste. In mano pure a Satana… Croce, dunque, sulla Calabria che galleggia in un pericoloso deficit di legalità. Ma è davvero la ’ndrangheta la madre di tutti i problemi del mancato sviluppo? Oppure anch’essa è figlia di una storia plurisecolare d’abbandono? E quanto è completo il suo racconto?


C’è una tendenza a estremizzare tutto quel che avviene a queste latitudini. È la cifra di come vanno le cose, una regola di successo, a cui pochi si sottraggono, secondo la quale bisogna usare tinte forti nel raccontare la Calabria. Senza edulcorazioni linguistiche. Anche quando i fatti parlano da soli. Anche nella lotta alla mafia, perché non c’è memoria della mafia e dell’antimafia. Ogni settimana si legge di inchieste nuove e rivoluzionarie, ogni volta è come se si scoprissero le carte per la prima volta. Prendiamo l’inchiesta Rinascita-Scott,che di per sé nei numeri e nella ipotesi accusatoria svela scenari cupi e mette nuovamente al centro di trame criminali il ruolo di uomini delle istituzioni che vanno a braccetto con poteri occulti e crimine organizzato, per cui non avrebbe bisogno di enfatizzazioni. Ma chi si ricorda di altre inchieste ormai storiche con numeri identici quando non superiori su mafiosi e manutengoli, incappucciati e barbe finte, politici corrotti e corruttori, che hanno saccheggiato e messo a ferro e fuoco la regione nell’ultimo quarto del secolo passato e oltre? Senza memoria prevale l’attualità. E così da anni si assiste a una affannosa ricerca mediatica nel dare della Calabria una rappresentazione crescente di alterità.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar