I primi incontri di Mario Draghi con i partiti sul Piano nazionale di ripresa e resilienza. Credits: governo.it
I primi incontri di Mario Draghi con i partiti sul Piano nazionale di ripresa e resilienza. Credits: governo.it

Non abbiamo ancora visto una bozza del Pnrr

Mancano dieci giorni alla presentazione in Commissione Ue del piano italiano per accedere ai fondi europei. Ma l'unico testo disponibile online è quello del precedente governo

Leonardo Ferrante

Leonardo FerranteReferente Anticorruzione civica Gruppo Abele e Libera

20 aprile 2021

Mancano dieci giorni alla presentazione in Commissione europea del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), il programma di investimenti che l’Italia deve presentare per poter ricevere i fondi previsti nell’ambito del Next Generation Eu, lo strumento messo in campo da Bruxelles per rispondere alla crisi provocata dal Covid-19. Ma l’unica bozza di piano disponibile online è quella prodotta dal precedente governo. Una bozza superata dalle stesse parole del presidente del Consiglio Mario Draghi, che in sede di insediamento precisò come si sarebbe ripartiti da zero. E a zero siamo rimasti, quanto a trasparenza. Il diritto alla trasparenza e alla partecipazione è andato presto in frantumi seppur di fronte alla cruciale presa di decisioni su 220 miliardi di euro tra risorse comunitarie e nazionali.

Recovery, le associazioni: "Si permetta alla società civile di monitorare i fondi"

La mancata pubblicazione online di una bozza di piano impedisce qualunque confronto pubblico sui suoi contenuti

La deadline per la consegna imposta al nostro Paese, come a ogni altro Stato dell'Unione, è stata fissata al 30 aprile. Dopo la diffusione di alcuni rumor secondo cui tutto sarebbe slitatto a metà maggio, fonti di palazzo Chigi hanno assicurato che non ci sarà alcun ritardo. La scorsa settimana sono iniziati i colloqui con i partiti e il premier Mario Draghi illustrerà il piano alle Camere il 26 e 27 aprile, dopo aver fatto un passaggio in Consiglio dei ministri. La partita di definizione dei contenuti, però, si è giocata quasi a porte chiuse. Le audizioni dei rappresentanti di interessi collettivi sono state sporadiche e residuali. Non solo, l’assenza di una pur minima bozza di plan messa online ha impedito e impedisce qualunque confronto pubblico circa i suoi contenuti di dettaglio, la conoscibilità dei progetti in esso contenuti, la monitorabilità degli stakeholder e degli interessi contemplati e la partecipazione alla strategia di governance del piano che dovrebbe concorrere a prevenire corruzione e opacità nell’erogazione di risorse. Iniziative civiche come “Ripartenza a porte aperte”, seppur promosse da oltre 30 associazioni alcune delle quali di carattere nazionale tra cui Libera e lavialibera, volta a chiedere trasparenza e partecipazione al piano, sono riuscite a trovare solo una sponda limitatissima.

Ottenuto il Recovery fund, chi controllerà come saranno usati quei fondi se la politica si affida ai supercommissari, l'Anac è in ginocchio e la società civile distratta?

La ragione è presto detta. L’assenza di una qualunque opposizione in questo momento storico certo non giova a favore di battaglie di trasparenza che almeno alcune forze politiche avrebbero potuto far proprie. La disomogeneità e la conflittualità del Parlamento hanno poi di fatto portato a un’auto-delegittimazione, o meglio a un’auto-squalifica da parte di chi lo abita, che salvo il coinvolgimento di pochissimi è finito ai margini della partita della definizione del Plan stesso accontentandosi di nomine formali. Parimenti la discussione generale e l’attenzione mediatica sono ancora del tutto assorbite dall’impatto della terza ondata e del relativo piano vaccinale che ancora stenta a produrre i suoi frutti. Insomma, una concomitanza storica che certo durerà pochissimo, ma che concorre a generare un'inspiegabile e assordante silenzio su una questione tutt’altro che residuale sulle quale le future generazioni avranno tutto il diritto di chiederci conto. La percezione che ne esce è di un clima di sudditanza rispetto a un’élite decisionale poco nota. Viviamo questo tempo di attesa che porta al piano oscillando tra diffuso eccesso di delega, preparazione di molti a salire sul carro di chi si spartirà una fetta della torta e preoccupazione da parte di pochissimi.

Sulla carta il Governo si è impegnato a garantire massima accessibilità ai dati sulla gestione della pandemia. La realtà è diversa

A questo punto è lecito chiedersi: chi ha paura della trasparenza? Forse si teme che mettere a disposizione qualunque bozza di Pnrr concorra a generare conflitto sociale o ancor peggio bagarre politica (perché ciò che è certo che della partita di definizione dei contenuti non faccia parte neanche il Parlamento)? Nel caso, il conflitto è solamente rimandato, a cari interessi. Se invece si considera il Pnrr qualcosa di puramente tecnico, il non includere chi lavora con il Paese reale rischia di produrre clamorosi fuoripista, considerando che stiamo andando a ripensare il Paese di domani. Pensare di poter garantire partecipazione e accountability “dopo”, ossia a foce del processo decisionale del piano, è l’ennesima dimostrazione di come in Italia entrambe siano intese come una formalità o, quel che è peggio, una forma di burocrazia. Nei fatti, siamo di fronte a un vulnus di democrazia, trasparenza e confronto pubblico che non possiamo in alcun modo permetterci.

Siamo di fronte a un vulnus di democrazia, trasparenza e confronto pubblico che non possiamo in alcun modo permetterci

La campagna “Ripartenza a porte aperte”, che in tale silenzio rischia di tramutarsi in una Cassandra dalla poco utile preveggenza, chiede che venga presto messa online una bozza di Plan e che si riconosca la necessità di previsione di dati, strumenti e azioni di monitoraggio civico di quanto in esso contenuto. Il tempo è poco.

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar