• San Ferdinando, dopo lo sgombero tante macerie e nessun vincitore - Foto n. 1/3
  • San Ferdinando, dopo lo sgombero tante macerie e nessun vincitore - Foto n. 2/3
  • San Ferdinando, dopo lo sgombero tante macerie e nessun vincitore - Foto n. 3/3

San Ferdinando, dopo lo sgombero tante macerie e nessun vincitore

Francesco Donnici

Francesco DonniciGiornalista Corriere della Calabria

30 aprile 2020

Va saputa leggere la Salerno-Reggio Calabria, tra i suoi cantieri, le interruzioni, il mare e le campagne. Ti accorgi di essere arrivato nella Piana di Gioia Tauro quando inizi a scorgere gli agrumeti o le indicazioni per il porto. Poi l’uscita di Rosarno. Non è facile trovare la zona industriale di San Ferdinando perché l’illuminazione è quella che è. Luce o meno, sono stipati lì migliaia di «dannati della terra, lavoratori stranieri nel nostro Paese, in assenza di misure e azioni concrete da parte delle istituzioni e della politica», come racconta il Rapporto Medu 2018 sulle condizioni dei braccianti nella Piana. Un mondo illuminato a fasi alterne: dalla luce intermittente dei roghi che se li sono portati via uno dopo l’altro o quella più intensa dei flash quando è stato tempo di sgomberare, l’ultima volta il 6 marzo 2019. Poi solo buio. Il silenzio che normalmente accompagna quei luoghi è testimoniato anche da ciò che (non) è successo con l’emergenza coronavirus. «I braccianti si trovano a convivere in gran numero in spazi angusti», impossibilitati ad adottare «le misure basilari per la prevenzione del contagio, prima tra tutte il lavaggio di mani e abiti», ha denunciato Mediterranean Hope, il programma migranti e rifugiati della Federazione delle chiese evangeliche. In piena crisi, a occuparsi dei braccianti sono rimasti solo un sindaco e le associazioni.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar