Prateek Katyal - Unsplash
Prateek Katyal - Unsplash

Talebani del web

Alcuni politici vorrebbero limitare l'anonimato su Internet e contestano chi vuole una rete libera. Le loro proposte, però, farebbero più danni che bene

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

28 gennaio 2020

È quasi prassi, ormai: ogni volta che l’odio espresso online torna ai (dis)onori della cronaca, arriva una proposta di regolamentazione che mette in discussione l’anonimato in Rete. Una sorta di riflesso pavloviano. È successo anche lo scorso ottobre, quando un rapporto dell’Osservatorio antisemitismo ha svelato l’incredibile mole di attacchi, politici e religiosi, indirizzati a Liliana Segre, 89 anni, superstite dell’Olocausto e senatrice a vita. Una media di 200 messaggi al giorno. "Ora norme contro l’odio sui social e nel dibattito pubblico", ha subito dichiarato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Sull’attenti si è fatto trovare il renziano Luigi Marattin che qualche giorno dopo ha scritto su Twitter di essere al lavoro su "una legge che obblighi chiunque apra un profilo social a farlo con un valido documento d’identità". La proposta ha collezionato consensi bipartisan, ma è stata duramente criticata da ricercatori, attivisti e giornalisti che, in un editoriale su Il Messaggero, l’economista Francesco Grillo ha definito "i talebani di Internet".

Lo confesso: dei "talebani" faccio parte anch’io. Non mi addentro in analisi tecniche e giuridiche sull’inattuabilità della schedatura di massa voluta da Marattin, che non mi competono, mi fermo prima. Il progetto del deputato di Italia viva, come molti fac-simile che l’hanno preceduto, è privo di fondamento perché si basa su due presupposti errati. Il primo è la presunzione che gli odiatori social siano sempre senza nome e cognome. Un falso mito. Come scrive l’antropologo Francesco Remotti su lavialibera, l’odio svolge una funzione antropo-poietica: viene usato per definire sé, nonché gli altri; e chi odia, anche in Rete, spesso mette con orgoglio la faccia. È il caso di Sebastiano Sartori, ex esponente di Forza Nuova, o di Marco Gervasoni, docente di storia contemporanea: entrambi autori di insulti diretti alla senatrice Segre.

Per l'antropologo Francesco Remotti, il fascino dell'odio sta nell'offrire una possibilità, immediata ed efficace, di definire se stessi e gli altri.

Il secondo assunto è legato all’utilizzo improprio del termine anonimato quando si parla dell’impiego online di pseudonimi o nomi falsi. Sarebbe più corretto chiamarlo pseudo-anonimato ed è utile a chi, per esempio, soffre di patologie croniche e cerca supporto nei forum. Ma non rende irrintracciabile la nostra identità. Ognuno di noi si collega alla Rete, da computer o da smartphone, usando un determinato IP, cioè un indirizzo numerico che identifica univocamente il dispositivo connesso. Nel caso dei social, su richiesta dell’autorità giudiziaria, la polizia postale riesce facilmente a ottenerlo. Certo, esistono strumenti che permettono di mascherare l’IP, ma sono in pochi a sfruttarli e tra loro vanno menzionati i dissidenti politici che rischiano la vita in regimi autoritari.

Bandire e demonizzare queste tecniche così come lo pseudo-anonimato significherebbe danneggiare non tanto gli odiatori, ma soprattutto i più vulnerabili. Vale la pena? David Kaye, relatore speciale delle Nazioni Unite per la promozione e la protezione del diritto alla libertà di opinione ed espressione, già nel 2015 si era espresso chiaramente in merito: "Leggi, pratiche e politiche che bandiscono o minano l’anonimato danneggiano significativamente, e in maniera sproporzionata, i diritti al cuore del mio mandato". Un talebano, anche lui.

Da lavialibera n° 1 gennaio/febbraio 2020

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar