Albe all'imbrunire*

Dietro i sentimenti d'odio si nasconde spesso una richiesta di attenzione. Un meccanismo della provocazione sintomo dell'egocentrismo

Fabio Cantelli Anibaldi

Fabio Cantelli AnibaldiVicepresidente Gruppo Abele e scrittore

Aggiornato il giorno 2 gennaio 2021

“Odio, dunque sono”. Prendo spunto dall’intervento di Francesco Remotti a pagina dieci per una riflessione che credo congrua e, spero, proficua. Trovo profonda e convincente l’analisi del grande antropologo, salvo nel punto in cui parla di "odio immotivato" e "odio allo stato puro". Sia chiaro, non si tratta di giustificare l’odio e tutte le sue varianti razziste, sessiste eccetera, ma di coglierne un’eventuale radice, che magari con l’odio c’entra poco o nulla. Capire perché tante persone oggi – soprattutto sui cosiddetti social – non si fanno scrupolo di vomitare insulti o minacce su qualcuno che non conoscono e da cui non sono state offese. E capire perché il loro livore si scarichi preferibilmente su figure in vista, di riconosciuta autorevolezza intellettuale e morale. Se non cerchiamo di capire, fermandoci a una facile quanto sterile indignazione (non è il caso di Remotti, ovviamente) assolviamo un dovere di coscienza ma non ci avviciniamo alla risoluzione del problema.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar