Foto Roberto Monaldo / LaPresse
Foto Roberto Monaldo / LaPresse

Il posto delle mafie (nell'emergenza)

La mafia non è un virus, si comporta secondo altre logiche. Ha sempre saputo approfittare delle situazioni di crisi e di emergenza, come le catastrofi naturali o nelle tensioni politiche, amplificando la loro tipica offerta di servizi di protezione e di intermediazione

Rocco Sciarrone

Rocco SciarroneProfessore di Sociologia economica, Università di Torino

15 gennaio 2021

Molte volte la mafia è stata rappresentata come un virus: è una metafora usata e abusata nel tempo da molti osservatori, non stupisce quindi che venga ripresa con riferimento al Covid-19. L’immagine è però tanto efficace sul piano comunicativo, quanto ingannevole sul piano analitico. La mafia non è un virus, si comporta e si diffonde secondo altre logiche, che non sono però indifferenti al contesto della pandemia. Le mafie hanno mostrato di saper approfittare delle situazioni di crisi e di emergenza: è avvenuto in occasione di catastrofi naturali terremoti, così come nei casi in cui l’ordine politico e sociale è apparso sotto tensione, indebolito o minacciato nella sua tenuta. In tali momenti, le mafie non fanno altro che amplificare la loro tipica offerta di servizi di protezione e di intermediazione, utili per far fronte alle incertezze.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar