AP Photo/Jerome Delay
AP Photo/Jerome Delay

Effetto serra, effetto fuga

Dietro le grandi migrazioni contemporanee c'è, in un modo o nell'altro, lo zampino del cambiamento climatico

Antonello Pasini

Antonello PasiniFisico climatologo del Cnr

30 luglio 2020

Dietro le grandi migrazioni contemporanee c’è, in un modo o nell’altro, lo zampino del cambiamento climatico. Con le dovute differenze, è il caso della Siria, da dove scappano i profughi che arrivano in Europa attraverso la rotta balcanica, come del Sahel – la porzione di territorio che si estende tra il deserto del Sahara a nord e la foresta pluviale a sud – da cui proviene la maggior parte dei migranti che approda nel nostro Paese. Qualcuno potrebbe obiettare che il clima è sempre cambiato e le migrazioni sono sempre avvenute nella storia dell’homo sapiens, ma non terrebbe conto di due importanti differenze rispetto al passato. Oggi parliamo di gente disperata in fuga dalla fame e dalla guerra, costretta a lasciare la propria casa. Una migrazione forzata legata a doppio filo a un riscaldamento della Terra diverso da ogni altro mai registrato in precedenza: è molto più rapido, non è limitato ad alcune zone del Pianeta, bensì esteso all’intero globo, ed è causato soprattutto da attività umane, quali l’emissione di gas serra, la deforestazione, e il cattivo uso del suolo, compresa un’agricoltura non sostenibile. Tutto ciò ha portato a un aumento dell’intensità, e talvolta della frequenza, degli eventi climatici estremi: dalle ondate di calore alle alluvioni.

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar