Essere comune è un fatto straordinario

Lui è venuto in Italia per finire gli studi e poi tornarsene al suo Paese. Il suo talento non è soltanto suo e già l'ha messo a disposizione degli altri

Carlo Lucarelli

Carlo LucarelliScrittore, sceneggiatore e conduttore televisivo

3 novembre 2020

COMUNE

aggettivo – 1.
Pertinente ad una comunità di persone socialmente organizzate 

La tengo un po’ vaga perché non so quanto le persone interessate vogliano riconoscersi, ma è così che me l’hanno raccontata. Un giorno, qualche anno fa, un giovane specializzando curdo viene in Italia per perfezionare i suoi studi di medicina. Arriva da un posto in cui quelli come lui non sono trattati benissimo e come specializzazione ha scelto chirurgia, perché vorrebbe tornare a esercitare in un posto in cui i curdi sono trattati anche peggio e combattono, nel senso letterale del termine, per cambiare le cose. Per cui essere un bravo chirurgo che opera le persone ferite può essere una cosa molto utile. Così il giovane specializzando curdo arriva in Italia grazie a un programma di studi, viene preso in carico dalla clinica di una facoltà di medicina e comincia la sua formazione.

È bravissimo. Un genio. Di più, o meglio, in aggiunta: un artista. Per fare il chirurgo oltre alla competenza, l’esperienza, l’occhio, l’intuizione, la passione, tutte quelle cose che concorrono a fare un grande medico, ci vuole anche la mano. Una cosa in cui ci si esercita ma che bisogna anche avercela un po’ di natura, come si dice del talento, e senza togliere niente alle altre specializzazioni della medicina, che hanno bisogno anche loro del proprio specifico talento, naturalmente. Ecco, il giovane specializzando curdo è così, un po’ Einstein e un po’ Picasso. Gli manca l’esperienza, naturalmente, ma in pochissimo tempo riesce a eseguire gran parte della routine di operazioni che altri ci mettono di più a coprire. Così il coordinatore del team a cui il giovane curdo appartiene chiama il responsabile del progetto e gli dice che nel gruppo hanno il Maradona degli specializzandi. Il responsabile ascolta, controlla, osserva e concorda: Maradona. Bisogna farlo crescere, nel modo giusto e anche bruciando le tappe, visto che se lo può permettere.

In ogni numero de lavialibera, Carlo Lucarelli analizza con una storia i molti significati di una parola. Leggi la sua rubrica

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar