Beni comuni, perché la politica tace

I politici arrancano perché complici di un sistema economico ingiusto alla radice, devono tornare a essere eretici

Luigi Ciotti

Luigi CiottiDirettore editoriale lavialibera

2 novembre 2020

Parlando di beni comuni non possiamo non parlare di etica e politica. La più bella e incisiva definizione di politica l’ha data un Papa. "Politica – ha detto Paolo VI – è la più alta ed esigente forma di carità". Ma se la politica è carità, allora è prima di tutto prendersi cura delle persone più fragili, di chi sta ai margini, di chi non ha lavoro o futuro. Se non lo fa, tradisce la sua essenza, il suo scopo: non è più politica. Etica, dal canto suo, non è definire quello che è bene e quello che è male, non è scrivere codici al riparo di un tetto e fra quattro mura. Etica è cosa facciamo di fronte al disumano che accade attorno a noi, è responsabilità, consapevolezza che la nostra vita è collegata alla vita degli altri, che l’interesse pubblico è anche nostro interesse. La responsabilità è la premessa dell’onestà, dell’integrità morale, dell’impegno per il bene comune.

Ai politici dico: siate eretici. Non rassegnatevi alle ingiustizie, scegliete libertà e impegno

Occorre una rivoluzione della politica e dell’economia che riconosca la relazione che ci lega gli uni agli altri e, tutti insieme, alla Terra, il primo dei beni comuni. I beni comuni sono inestimabili, non possono obbedire alla logica del mercato. Il mercato va bene per i beni di consumo, ma ai beni comuni, che sono sorgenti di vita, deve pensare la politica. Eppure, su questi temi la politica arranca. Arranca perché si è resa complice, salvo eccezioni, di un sistema economico che Papa Francesco ha definito "ingiusto alla radice". Un sistema che produce disuguaglianze, che aumenta la forbice tra ricchi e poveri, che distrugge il legame sociale e intanto sfrutta e distrugge il pianeta. La grande domanda è allora: perché, salvo eccezioni, la politica tace?

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar