Roma, 17 settembre 2020, Inaugurazione del murales dedicato a Willy Monteiro Duarte. Credits: C. Fabiano/LaPresse
Roma, 17 settembre 2020, Inaugurazione del murales dedicato a Willy Monteiro Duarte. Credits: C. Fabiano/LaPresse

Omicidio Willy, al via il processo. Dietro la sua morte, una cultura fascista

Comincia davanti alla Corte d'Assise di Frosinone il processo per la morte di Willy Monteiro Duarte, il 21enne di origini capoverdiane ucciso a colpi di botte la notte fra il 5 e il 6 settembre 2020 alle porte della Capitale

Francesca Pagnotta

Francesca PagnottaCoordinamento provinciale Libera Vibo Valentia

Aggiornato il giorno 10 giugno 2021

Al via oggi davanti alla Corte d'Assise di Frosinone il processo contro i fratelli Bianchi per la morte di Willy Monteiro Duarte. Il 21enne di origini capoverdiane è stato ucciso a colpi di botte la notte fra il 5 e il 6 settembre 2020 a Colleferro, alle porte della Capitale, per essersi fermato a prestare aiuto a un amico in difficoltà. Sotto accusa per omicidio volontario ci sono i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. Dopo l'accaduto, la ventenne Francesca Pagnotta aveva affidato alla rubrica GenerazioneZ le sue parole e riflessioni sulla cultura razzista dietro la morte di Willy.

***

Aveva 21 anni Willy Monteiro Duarte, il ragazzo che la notte fra il 5 e il 6 settembre è stato ammazzato di botte a Colleferro, alle porte della Capitale. No, questa volta non leggerete sui giornali o sui social network che ad ammazzarlo sono stati gli extracomunitari e no, questa volta non vi potrete sentire legittimati a sollevare polveroni di odio, intolleranza e violenza nei confronti di intere comunità multiculturali. Perché Willy era un ragazzo italiano, ma di origini capoverdiane, che faceva da poco il cuoco in un albergo romano ed è stato preso a calci e pugni da quattro individui italiani per aver cercato di difendere un amico. Una notizia come questa, quasi non ci tocca nemmeno. Perché, tanto, chi era Willy? "Solo un extracomunitario", ha detto qualcuno.

 La morte di un ragazzo di 21 anni, preso a calci e pugni da un branco di soggetti che idolatra figure autoritari, non ci fa provare disgusto verso determinati atteggiamenti

Oggi la morte di un ragazzo di 21 anni, preso a calci e pugni da un branco di soggetti che idolatrano figure autoritarie e si servono quotidianamente di azioni violente per la risoluzione di qualsiasi vicissitudine, non ci fa provare disgusto verso determinati atteggiamenti, rammarico verso un ragazzo che non tornerà più a casa da sua madre la sera, né avrà la possibilità di avverare i suoi sogni nel mondo del calcio o della cucina. Perché da qualche anno a questa parte siamo succubi di un sistema che promuove l’odio nei confronti di chi è apparentemente diverso da noi, sradica ogni forma di uguaglianza e cerca di portare all’oblio il concetto di umanità e dignità. Sì, perché se valutiamo la dignità come il valore supremo delle nostre comunità, attraverso episodi di odio e intolleranza come questi, tale valore è destinato a scomparire definitivamente dalle nostre coscienze e dai nostri sistemi sociali. E con esso ogni valore derivante come la solidarietà, la libertà, l’umanità e l’aiuto verso il prossimo, gli stessi che invece hanno mosso Willy ad agire davanti alle ingiustizie subite da un amico.

Il cantante degli Almamegretta Raiz racconta la propria esperienza come vittima di razzismo

Il profondo senso di ingiustizia che sui social network ha smosso le persone a favore di Willy e di quanti come lui si battono contro un sistema aberrante, intriso di razzismo e fascismo, ci deve portare ad azioni concrete nelle nostre coscienze, prima ancora che nelle piazze, nelle aule di tribunale o nelle scuole. Abbiamo bisogno di mettere in atto un processo di responsabilizzazione nei confronti dell’altro. Contrariamente, continueremo giorno dopo giorno a permettere a un sistema deviato di insediarsi nella nostra società. E allora, a questo punto vi chiedo: chi piangerà, si arrabbierà, resisterà e lotterà per l’ennesima vittima che "era solo un extracomunitario"?

Da lavialibera n°5 settembre/ottobre 2020

Crediamo in un giornalismo di servizio ai cittadini, in notizie che non scadono il giorno dopo. Aiutaci a offrire un'informazione di qualità, sostieni lavialibera

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar