Frontiere (poco) intelligenti

Nei passati vent'anni abbiamo visto una serie di tecnologie digitali implementate in questo contesto. Un cambiamento che sta avvenendo con poco controllo pubblico e in condizioni di vuoto normativo

Rosita Rijtano

Rosita RijtanoRedattrice lavialibera

10 settembre 2020

Un’intelligenza artificiale con il compito di aiutare la polizia di frontiera a individuare "i migranti illegali” e contribuire alla "prevenzione del crimine e del terrorismo”. È l’obiettivo di iBorderCtrl, un progetto che ha incassato ben quattro milioni e mezzo di euro nell’ambito di Horizon 2020, il programma di finanziamento creato dalla Commissione europea per supportare la ricerca all’interno del Vecchio continente. La tecnologia si propone di beccare i bugiardi analizzando le espressioni che fanno mentre rispondono alle domande poste da una sorta di poliziotto virtuale via webcam. Peccato poggi su dubbie basi scientifiche e gli errori cui va incontro siano stati documentati da diverse inchieste giornalistiche.

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar