Vujkac, Bosnia, il campo profughi
Vujkac, Bosnia, il campo profughi

Venditori di sogni, trafficanti bambini

A Vucjak, nel campo profughi più grande della Bosnia, sostano i migranti che percorrono la rotta balcanica verso l'Europa. Lì si trovano giovani che, per ottenere i soldi per il viaggio, diventano trafficanti di altri compagni di viaggio

Sara Giudice

Sara GiudiceGiornalista Piazzapulita-La7

10 settembre 2020

Piove a Vucjak, nel campo profughi più grande della Bosnia. L'ultimo paese prima di arrivare in Croazia. Il punto di confine. Un freddo umido che entra nelle vene e non trova sollievo. Sorge su una ex discarica l'enorme campo profughi che ospita esseri umani provenienti prevalentemente dall'Afghanistan, dal Pakistan e dalla Siria. Un'immensa distesa di tende da campo, a svettare c'è lo stemma della Croce rossa internazionale, ma ormai anche quello è sbiadito e ricoperto di fango e sporcizia. Cumuli di immondizia fanno compagnia a centinaia di ragazzini scalzi che camminano nel fango. Non ci sono adulti qui. Si mettono in coda per accaparrarsi il pasto caldo offerto dalla Caritas. Alcuni non hanno ancora compiuto sedici anni, adolescenti che aspettano una zuppa rossa fumante prelevata da enormi pentoloni e servita insieme a un tozzo di pane. È l'unico pasto della giornata e la pioggia non turba in alcun modo l'attesa, la fame non si bagna.

Lo sguardo di questi adolescenti è già da adulti, segnato dal freddo, dalla stanchezza e dalla malattia. Non da ultimo dal lungo viaggio che li ha portati fin qui. 

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar