Cortina, lavori per l'area di arrivo a Rumerlo in vista della Coppa del mondo di sci 2021
Cortina, lavori per l'area di arrivo a Rumerlo in vista della Coppa del mondo di sci 2021
  • I lavori per l'area di arrivo di Rumerlo (Lacedelli)
  • I lavori di sbancamento e allargamento della pista per lo slalom speciale
  • Le promesse green delle Olimpiadi di Cortina - Foto n. 3/5
  • I lavori per l'area di arrivo di Rumerlo (Dalrì)
  • Le promesse green delle Olimpiadi di Cortina - Foto n. 5/5

Le promesse green delle Olimpiadi di Cortina

In vista della Coppa del Mondo di sci del 2021 e delle Olimpiadi invernali, vicino alle Dolomiti gli ambientalisti protestano contro l'organizzazione dei grandi eventi, che difende invece gli interessi economici

Francesca Dalrì

Francesca DalrìRedattrice lavialibera

10 settembre 2020

Se la tensione tra interessi economici e salvaguardia della natura potesse essere rappresentata plasticamente, Cortina d’Ampezzo sarebbe un soggetto ideale. Poco meno di seimila abitanti a 1224 metri di altitudine in provincia di Belluno, è conosciuta come “la regina delle Dolomiti”: le sue vette, patrimonio mondiale dell’Unesco, sono considerate tra le più belle della Terra. Meta preferita delle vacanze di vip e star, in paese le seconde case hanno ormai superato quelle dei residenti.

Qui l’anno prossimo si terranno i campionati del mondo di sci alpino mentre nel 2026, assieme a Milano, la regina delle Dolomiti sarà per la seconda volta (la prima fu nel 1956) teatro delle olimpiadi invernali. "Una grande opportunità per il futuro del nostro territorio, non solo per la visibilità planetaria che avremo, ma anche, e soprattutto, per le opere infrastrutturali che saranno realizzate", sostiene Maria Lorraine Berton, presidente degli industriali bellunesi, a capo del gruppo tecnico Sport e grandi eventi di Confindustria. Ma qualcuno dubita e si oppone.

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar