215 ore di cemento armato. Così si fa un abuso edilizio

Nove giorni e nove notti di lavoro per costruire una villetta monofamiliare. Lo spiega Totonno, "o' masto" di un'impresa specializzata in questo genere di lavori

Peppe Ruggiero

Peppe RuggieroVicedirettore lavialibera

Aggiornato il giorno 21 settembre 2020

Duecentoquindici ore. Nove giorni e nove notti di lavoro. Tanto ci vuole per costruire abusivamente una villetta monofamiliare. Tutto compreso: impianto elettrico, pavimenti e idraulica. A raccontarlo è o’ masto di un' impresa specializzata in costruzioni abusive che da anni opera alle pendici del Vesuvio ma che si spinge anche nel territorio giuglianese, a nord di Napoli. Li chiamano gli All black. Tutto in nero. Sono i più richiesti sul mercato. Ovviamente quello abusivo. Si paga un po’ di più rispetto alle cifre ufficiali, in contanti e senza fattura, ma assicurano la celerità del servizio. Sono una delle tante ditte fantasma, che non trovi registrata in nessuna Camera di commercio, pronti a uscire allo scoperto quando sanno che vuoi costruire abusivamente. Per raggiungerli devi attraversare il paesaggio kitsch che ti accompagna verso il vulcano.

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar