Trapani. Dove domina (il) Denaro

La lotta contro Cosa nostra più che a Palermo si combatte a Trapani, humus adatto per banche e imprese criminali

Rino Giacalone

Rino GiacaloneGiornalista e direttore di Alqamah.it

30 gennaio 2020

Nel raccontare oggi la mafia trapanese dobbiamo partire dalla lezione che ci hanno lasciato Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, che con Cosa nostra trapanese avevano fatto bene i conti. I due magistrati segnavano una profonda differenza tra la mafia palermitana e quella trapanese: la prima, dicevano, era quella militare, la seconda quella economica. La prima è stata più facile da colpire, ma non è sconfitta; la seconda ancora primeggia nonostante arresti, condanne e decine di provvedimenti di confisca, che nel trapanese superano il volume di decine di milioni di euro. A Trapani, poi, la mafia economica resta nelle mani di un latitante che si chiama Matteo Messina Denaro, ha 57 anni e lo cercano da 26 anni. Un capo mafia che passa dalla mafia violenta, delle coppole e delle lupare, a quella elegante che porta valigette piene di denaro contante.

Il giornalismo che serve
nel mondo che cambia

Servono parole nuove per esprimere pensieri diversi. Serve schierarsi con coraggio per difendere la libertà. Serve stimolare la partecipazione per provocare cambiamenti duraturi.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar