Francesco Remotti

Francesco Remotti

Professore emerito di Antropologia culturale dell'Università di Torino

Razza sì o razza no?

Razza sì o razza no?

Crescono le richieste di eliminare la parola "razza" dalla Costituzione. Ma siamo certi che eliminare la parola serva a ridurre il razzismo?

Francesco Remotti

Francesco RemottiProfessore emerito di Antropologia culturale dell'Università di Torino

Articolo solo per abbonati
Riti di passaggio

Riti di passaggio

Mentre nelle società tradizionali i rituali segnavano il passaggio all'età adulta, nella società contemporanea i giovani non riescono più a elevarsi al di sopra della nostra ingombrante cultura globale

Francesco Remotti

Francesco RemottiProfessore emerito di Antropologia culturale dell'Università di Torino

Articolo solo per abbonati
Annegare in un mare di input superflui

Annegare in un mare di input superflui

Abbiamo fatto dipendere la nostra sopravvivenza dalla produzione di informazioni culturali: che ne sarà allora della nostra umanità ora che tale produzione è fuori controllo?

Francesco Remotti

Francesco RemottiProfessore emerito di Antropologia culturale dell'Università di Torino

Articolo solo per abbonati
Una risata per saltare fuori dalle gabbie

Una risata per saltare fuori dalle gabbie

Ogni tanto occorre saltare fuori dalle gabbie del genere in cui rischiamo di rimanere stupidamente intrappolati

Francesco Remotti

Francesco RemottiProfessore emerito di Antropologia culturale dell'Università di Torino

Articolo solo per abbonati
Non c'è futuro senza convivenza

Non c'è futuro senza convivenza

Inchiodati al presente dimentichiamo che la Terra ci è stata data in prestito dai nostri figli

Francesco Remotti

Francesco RemottiProfessore emerito di Antropologia culturale dell'Università di Torino

Articolo solo per abbonati

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar