Marcello Ravveduto

Marcello Ravveduto

Docente alle Università di Salerno e di Modena e Reggio Emilia

Marcello Ravveduto insegna digital public history alle Università di Salerno e di Modena e Reggio Emilia. È consigliere direttivo dell’Associazione italiana di Public History e del comitato scientifico della Biblioteca digitale sulla camorra e sulla cultura della legalità dell’Università Federico II di Napoli, oltre che direttore scientifico della Galleria virtuale sulle mafie e l’antimafia nella Casa/Museo Joe Petrosino. Tra i suoi scritti, Il sindaco gentile. Gli appalti, la camorra e un uomo onesto. La storia di Marcello Torre (Melampo, 2016), La nazione del miracolo. L’Italia e gli italiani tra storia, memoria e immaginario (Castelvecchi, 2018) e Lo spettacolo della mafia (Edizioni Gruppo Abele, 2019).

I componenti della band trapper Fsk satellite. Credits: Instagram

Il trapper Sapobully: "Sono mafioso e me ne vanto"

Romano Maiorella, classe 1998, vive in Basilicata. Divenuto famoso con la musica trapshit, nei video si atteggia a boss. Raccogliendo migliaia di like

Marcello Ravveduto

Marcello RavvedutoDocente alle Università di Salerno e di Modena e Reggio Emilia

Una scena del film di Franco Maresco, "La mafia non è più quella di una volta"

Tra selfie e neomelodici, ha ragione Maresco: "La mafia non è più quella di una volta"

Tra le immagini sui social network e "personal branding" Cosa nostra ha il sapore glamour di un'impresa commerciale globalizzata. Per questo il film del regista siciliano inquadra una situazione reale

Marcello Ravveduto

Marcello RavvedutoDocente alle Università di Salerno e di Modena e Reggio Emilia

Articolo solo per iscritti

Per conoscere il futuro
non aspettare le stelle

Abbonati per un anno a lavialibera, avrai 6 numeri della rivista e l'accesso a tutti i contenuti del sito web. Fatti, numeri, storie, inchieste, opinioni, reportage. Capire il presente e interpretare il mondo che verrà.

La newsletter de lavialibera

Ogni sabato la raccolta degli articoli della settimana, per non perdere neanche una notizia. 

Ogni prima domenica del mese un approfondimento speciale, per saperne di più e stupire gli amici al bar